Il ruolo della musica nello sport come performance sportiva

Nel 1998, l’iconico corridore etiope Haile Gebrselassie disse di essere stato in grado di battere il record dei 2000m “sincronizzando la sua cadenza (di corsa) con il ritmo della canzone pop Scatman” (di Scatman John), che stava suonando durante la sua gara alla Birmingham National Indoor Arena. All’epoca i benefici dell’uso della musica per migliorare le prestazioni erano piuttosto nuovi, ma con la crescita della ricerca sia nella scienza dello sport che nella neurologia, ci sono ora buone prove che la musica può influire sulle prestazioni in campo sportivo.

Musica, motivazione e stress

Forse la prova più forte è negli studi che hanno esaminato la capacità della musica di calmare o stimolare e, così facendo, aiutare gli atleti a “entrare nella zona”.
L’ascolto di “musica rilassante” (generalmente considerata a tempo lento, tono basso e senza testi) ha dimostrato di ridurre lo stress e l’ansia e di ridurre significativamente i livelli plasmatici degli ormoni dello stress cortisolo e norepinefrina. La musica che ha un ritmo vivace e stimolante migliora le prestazioni dell’esercizio e si è anche scoperto che abbassa le sensazioni di pigrizia e fatica. Gli atleti spesso usano la musica motivazionale per aumentare il loro livello di eccitazione prima di una partita o di una competizione, mettendo il loro corpo in movimento e il sangue che scorre.

Altri dettagli su musica e sport

Non è così semplice come ascoltare musica calma per abbassare l’ansia e musica in levare per tirarsi su, anche i testi e lo stile della musica sono importanti. Uno studio ha scoperto che i giocatori di pallacanestro inclini ad esibirsi male sotto pressione hanno ottenuto risultati significativamente migliori nel tiro libero ad alta pressione se prima di giocare hanno ascoltato musica e testi accattivanti e ottimistici. La musica sembrava distrarre i giocatori dal preoccuparsi del pubblico e dal pensare al processo fisico del tiro. Il contenuto lirico della musica è stato anche trovato per essere particolarmente importante per la sua motivazione migliorare l’affetto, fornendo affermazioni positive o spunti verbali relativi al compito.

Musica, performance e resistenza

È stato dimostrato che la musica agisce come un aiuto ergogenico, migliorando le prestazioni ritardando la fatica e aumentando la capacità di lavoro con conseguenti livelli più alti del previsto di resistenza, potenza, produttività e forza e migliorando le prestazioni in un’ampia varietà di sport.

La musica sincrona (che permette a chi si allena di muoversi consapevolmente a tempo con il ritmo) ha dimostrato di fornire benefici sia ergogenici che psicologici. È stato dimostrato che la musica sincrona “motivazionale” migliora le prestazioni fino al 15%, probabilmente perché un aumento della ritmicità del movimento si traduce in una maggiore efficienza. La musica sincrona è stata anche collegata a un minore consumo relativo di ossigeno e a una riduzione del 12% nella percezione dello sforzo e della fatica, probabilmente agendo come distrazione.

Le ragazze sono state trovate a beneficiare dell’uso della musica più rapidamente rispetto ai ragazzi e questo può essere dovuto alla maggiore esperienza attraverso la danza e l’aerobica, rendendo più facile per loro sincronizzare il loro movimento a un ritmo.

Recupero

Gli effetti della musica post-esercizio, per aiutare il recupero dall’allenamento, dalla competizione o dall’infortunio, è conosciuta come musica di recupero. Si tratta di una nuova area di ricerca ed è in una fase iniziale. È stato dimostrato che la musica asincrona (musica di sottofondo) è calmante e l’ascolto di musica dopo un compito stressante ha portato a miglioramenti misurabili nella funzione immunitaria, nella produzione neuroendocrina e nello stato emotivo.

Consigli

È stato dimostrato che la musica è benefica per la performance e vale la pena elaborare la propria playlist musicale sia per l’allenamento che per prepararsi alle gare. Ci sono quattro fattori che si pensa contribuiscano alle qualità motivazionali di un brano musicale: ritmo, musicalità, impatto culturale e associazione personale ed è importante prendere in considerazione ciascuno di essi quando si pensa alla mentalità che si vuole ottenere. Se i tuoi movimenti sono costanti e ritmici, la musica non dovrebbe avere fluttuazioni nel tempo e dovrebbe essere parallela alla velocità dei tuoi movimenti. Per esempio, se ti stai riscaldando su una cyclette ad un ritmo di circa 65 rmp, la musica dance commerciale, tipicamente nell’intervallo tra 120 e 130 bmp, è l’ideale in quanto puoi fare mezzo giro di pedale per ogni battito della musica.

Posted by: Redazione on